Come si sale e ci si posiziona in canoa canadese

Per non rovinare il fondo della canoa e perché sia più stabile durante la salita, la canoa canadese deve essere messa in acqua senza che lo scafo tocchi il fondale. Nel caso di imbarco su un fiume, mettere la canoa canadese in acqua con la punta rivolta a monte. Per salire ci si posiziona parallelamente alla canoa canadese mantenendo il bacino basso e le mani appoggiate sui bordi. Ci si siede poi al centro del seggiolino con i piedi al disotto e appoggiando le ginocchia sul fondo della canoa. Questa posizione ci permette di tenere basso il baricentro e controllare con le ginocchia il rollio della canoa.
Per scendere dalla canoa canadese facciamo in senso inverso le operazioni fatte per salire.
A differenza del kajak, la canoa canadese ci dà la possibilità di cambiare posizione e rilassare così le gambe in quanto si può pagaiare sia in ginocchio che seduti.
Cambiare posizione è molto semplice. Partendo da seduti, allunghiamo le gambe in avanti senza stenderle completamente lasciando cadere le ginocchia verso il bordo della canoa stessa, pieghiamo poi una gamba sotto il seggiolino aumentando così la stabilità e passiamo nella posizione in ginocchio.
Ci si posiziona sul fondo della canoa a ginocchia divaricate con i glutei comodamente appoggiati al bordo del seggiolino e distribuendo il peso tra ginocchia e glutei. Da questa posizione, per sedersi nuovamente sul seggiolino basta far scorrere i glutei sul seggiolino stesso riposizionandoci come precedentemente spiegato.
Le seguenti foto ci mostrano la posizione corretta da tenere quando si è seduti in canoa canadese con la pagaia in mano. Busto eretto, pala immersa completamente nell’acqua e perpendicolare a fianco dello scafo.

Controllo della canoa canadese

Per prima cosa dobbiamo prendere confidenza con la nostra canoa. Appena saliti in canoa, la stessa tenderà a ondeggiare. Con attenzione ci sediamo nel centro del seggiolino posizionandoci come precedentemente spiegato, divarichiamo le ginocchia e, mantenendo il busto eretto, alziamo la pagaia sopra la testa tenendo le mani a larghezza spalle. A questo punto incominciamo a far ondeggiare la canoa canadese aumentando progressivamente l’ondeggiamento. Proviamo a tenerla inclinata da un lato per qualche istante e poi dall’altro mantenendo sempre il baricentro nel centro della canoa. Facendo ciò il nostro corpo assume la forma di una J rovesciata.

Le canoe tendono a non andare in linea retta. Per andare in linea retta, il canoista deve effettuare una pagaiata di propulsione con abbinato un movimento di correzione. In una canoa canadese condotta da due persone, per un buon lavoro di squadra, entrambi i canoisti intervengono sia in propulsione che in correzione ma in modo diverso in funzione della posizione che essi occupano nella canoa. Quello che si trova davanti applica prevalentemente una pagaiata di propulsione mentre il canoista che si trova in coda ha principalente il compito di effettuare le correzioni necessarie.
Senza effettuare alcuna correzione, se due canoisti pagaiano dallo stesso lato (p.e. a sinistra), la canoa tende a girare verso destra. Se il canoista che sta davanti pagaia a sinistra mentre quello che sta dietro pagaia a destra, sempre senza effettuare alcuna correzione, la canoa canadese tende a girare verso sinistra perché la pagaiata del canoista che sta dietro prevale su quella del canoista che sta davanti. In poche parole, non esiste modo di far andare la canoa diritta se non si applica alcuna correzione.

Posizione corretta
Posizione errata