La pagaia

Pagaia bent shaftA differenza delle pagaie da kayak, la pagaia della canoa canadese ha una singola pala. Questo tipo di pagaia è composta da un pomello, dall’asta e dalla pala. L’intersezione tra asta e pala si chiama angolo. Il materiale di costruzione delle pagaie varia dalla plastica al legno fino ad arrivare alla fibra di carbonio per quelle più moderne.
Esse sono suddivise in:

  • pagaie da acqua piatta;
  • pagaie da acqua mossa;
  • pagaie da velocità.

Le pale si differenziano tra larghe e corte o strette e allungate. La forma della pala incide pesantemente sulle caratteristiche della pagaia perché trasmette nell’acqua la spinta che il canoista imprime sulla pagaia stessa. Alcune pagaie hanno il lato di spinta a forma di cucchiaio per una maggior presa nell’acqua. Nelle pagaie da maratona l’asta è leggermente piegata in avanti in corrispondenza dell’angolo. Questo angolo ci consente di tenere più verticalmente la pala in acqua aumentandone le prestazioni. Le voyageur, coda di castoro e coda di lontra, sono pagaie in legno massiccio che si differenziano tra loro nella forma della pala.

  • Tipi di pale
Normalmente le pagaie in materiale composito e per acqua mossa hanno un pomello a T che viene fissato al manico dopo aver tagliato quest’ultimo alla lunghezza corretta. Le pagaie ricavate da un unico pezzo di legno hanno invece il pomello a forma di pera rovesciata e la lunghezza del manico non è modificabile. Su acqua piatta è consigliato l’utilizzo di pagaie con il pomello a pera che ruotando facilmente nel palmo della mano dà una maggiore sensibilità.
Il pomello a T (t-grip) fornisce un’ottima presa e controllo per le manovre in acque mosse. Le pagaie in legno con la loro naturale flessione permettono al canoista di avere un buon controllo durante le manovre in acqua e hanno un buon assorbimento da shock a vantaggio delle nostre articolazioni. Un’altra caratteristica positiva della pagaia di legno è che, a differenza delle pagaie costruite con altri tipi di materiale, non risulta fredda al tatto ed è piacevole utilizzarla anche in primavera e in autunno quando le temperature sono basse.
Le pagaie per acqua mossa necessitano di una struttura più robusta, si rende perciò necessario usare laminati di frassino, ciliegio e tiglio. Per aumentarne la resistenza, la pala viene ricoperta da fibra di vetro.
La lunghezza da ricercare nella pagaia è quella dell’asta e non la lunghezza totale della pagaia.

Come determinarne l’altezza

Per determinare la lunghezza del manico usare il seguente metodo. Per determinare questa distanza, sedersi stando con il busto eretto su una sedia e misurare la distanza dal mento alla seduta. Aggiungere 15 cm a questa misura per ottenere la lunghezza approssimativa dell’asta.

  • Esempio approssimativo
Per una misurazione più accurata, sedersi in canoa sull’acqua tenendo la pagaia in verticale con le mani su pomello e asta e immergere la pala fino all’angolo. Il pomello deve trovarsi all’altezza del naso. Queste sono delle regole generali, bisogna però tenere conto anche le caratteristiche del tipo di canoa che stiamo usando (per esempio la larghezza dello scafo) e il tipo di pagaiata che si intende fare. Inoltre bisogna considerare in che posizione si trova il sedile sulla nostra canoa.
In acqua mossa è meglio utilizzare una pagaia un po’ più lunga (2-3 cm) che ci dà la possibilità di prendere l’acqua il più vicino alla punta. L’ideale sarebbe utilizzare diversi tipi di pagaie in base alla canoa e percorso che si intende percorrere.

Da tener presente quando si sceglie una pagaia

Su un percorso di 1,5 km ci vogliono circa 500 pagaiate, questo ci fa capire quanto è importante scegliere una buona pagaia. La pagaia ideale dovrebbe essere leggera, robusta, efficiente e che duri nel tempo. Purtroppo queste caratteristiche si ripercuotono sui costi.
Un piccolo esempio, su un percorso di 10 km facciamo circa 3000 pagaiate, se usiamo una pala che pesa 700 gr è come se spostassimo più o meno 2100 kg.

Come impugnare la pagaia

Una mano va sul pomello l’altra mano sull’asta e la distanza dalla pala di quest’ultima mano varia in funzione del tipo di colpo che si sta dando. Generalmente la distanza tra l’angolo della pala e la mano varia dai 10 ai 15 cm.

Vista frontale
Vista di lato
Vista da sopra

Alcuni tipi di pomelli

tipo di pomello
tipo di pomello
tipo di pomello
tipo di pomello
tipo di pomello
tipo di pomello